Il progetto consiste in una riqualificazione non solo architettonica ma anche energetica di un edificio residenziale di fine anni ’90.

vista ovest

L’intervento ha interessato principalmente l’involucro, che è stato isolato termicamente e riprogettato al fine di rendere funzionale la pluralità di volumi e aggetti preesistenti.

La scelta dei materiali diventa parte integrante del linguaggio architettonico delle facciate, conferendo ordine ad una pluralità di volumi, prima casuale.

La semplificazione dei volumi preesistenti tramite l’eliminazione del complesso sistema di coperture a falde inclinate ha comportato un miglioramento non solo energetico ma anche strutturale aumentando la sicurezza dal punto di vista sismico dell’edificio.

Tramite l’uso di un forte dualismo cromatico i volumi intonacati di nuova costruzione risultano evidenziati e posti in luce rispetto ai volumi in lamiera graffata delle preesistenze, che acquisiscono così valenza identitaria.

Per mezzo di uno studio solare sono stati individuati gli ambienti che necessitano di un maggiore ombreggiamento durante la stagione estiva e quelli predisposti a sfruttare invece gli apporti solari gratuiti durante la stagione invernale.

In corrispondenza dei prospetti esposti a sud sono state create delle logge su macroscala a protezione di ampie terrazze verdi, che risultano, così ombreggiate durante la stagione estiva e soleggiate durante la stagione invernale.

vista sud

vista est

L’inserimento della componente vegetale nella composizione architettonica, tramite ampie terrazze verdi, non solo attenua il surriscaldamento estivo ma trasforma i prospetti da arido elemento verticale a spazio naturale da fruire in quota.

Con un minimo ma accurato aumento della superficie vetrata è stato possibile garantire alti livelli di luce naturale nella stagione fredda e migliorare il rapporto, visivo e spaziale, tra gli ambienti interni e il verde esterno, conservando, allo stesso tempo, la collocazione originaria di tutte le aperture.

la vegetazione è il comune denominatore del progetto. In un dialogo costante e armonioso con l’architettura.

La riqualificazione energetica ha interessato anche gli impianti di riscaldamento dell’edificio che sono stati rinnovati e integrati con sistemi fotovoltaici e solari al fine di ridurre ulteriormente l’impatto energetico sull’ambiente.

schema di progetto

planimetria

prospetti

  • Vista dell’Edificio prima dell’intervento

  • Vista del Cantiere