L'intervento oggetto del bando integrato è un complesso scolastico situato a Camposanto (MO). I tre edifici, la scuola d'infanzia la scuola secondaria di primo grado e la sala polivalente, affacciano sull’argine del fiume Panaro, in sommità al quale è presente un ampio percorso pedonale che rende visibile dall’alto l’area di intervento.

Per creare un legame visivo e ottimizzare l’inserimento paesaggistico dell’edificio si è scelto di realizzare in copertura un sistema di verde pensile intensivo. Il colore è l’elemento di unione dei tre edifici, i quali presentano in facciata elementi frangisole e di schermatura solare che creano variazioni cromatiche caratterizzanti ogni struttura. La scelta del colore, sia all’interno che all’esterno del complesso, è orientata a facilitare l’apprendimento, la concentrazione, l’orientamento e la sicurezza; il colore, infatti, influisce sul comportamento degli studenti e sulla soglia di attenzione. I colori caldi e saturi spingono alla socializzazione e allo sfogo delle tensioni e dell’energia motoria accumulata durante le lezioni.

La scala con il vano ascensore centrale è il fulcro dello spazio comune scolastico e un elemento di continuità tra gli spazi della normale attività didattica e quelli delle attività collettive e speciali. L’ampia area centrale che funge anche da spazio distributivo della scuola dell’infanzia si presenta come un’area aperta di forma regolare dedicata al gioco e ad alla socializzazione degli alunni. Per contribuire al confort ed alla piacevolezza degli ambienti si è scelto di rendere la pavimentazione un vero gioco, creando con variazioni nella colorazione della finitura in linoleum una sorta di pista immersa in un prato.

L’involucro edilizio ha caratteristiche di isolamento termico elevate per permettere il risparmio energetico. L’installazione di pannelli fotovoltaici permette di rispondere a parte del fabbisogno energetico dell’edificio tramite energia rinnovabile.

Per la riduzione dell’inquinamento acustico è stata prevista la realizzazione del BIOMURO, una barriera naturale progettata a verde che migliora la qualità del giardino della scuola fungendo da quinta verde che abbraccia e protegge i fruitori del giardino. All’azione di riduzione dell’inquinamento acustico contribuiscono sia le foglie, che assorbono e trasformano l’energia sonora in calore o la deviano, sia il terreno, che agisce assorbendo le onde dirette radenti al suolo.  L’orto didattico è stato concepito come una esperienza sensoriale dove ogni essenza e ogni elemento vegetale stimola le esperienze sensoriali degli utilizzatori. Gli orti sono realizzati con vasche di legno per contenimento terra e con panche e tavoli rialzati per lavorazione delle talee anch’esse in legno. Attraverso l’attività manuale e l’esperienza sensoriale diretta, il bambino acquisisce conoscenze e un metodo scientifico, osservando come le proprie azioni hanno influenza sul mondo che lo circonda.

Pianta piano terra

Prospetto Ovest scuola secondaria di primo grado

Prospetto Ovest scuola dell'infanzia

Prospetto Nord scuola secondaria di primo grado

Prospetto Nord scuola dell'infanzia